Tribunale di Avellino. CTU, pubblico ufficiale “a tempo”

 

Quello del consulente tecnico è un ruolo delicato ed importantissimo, spesso determinante per l’esito del giudizio. Non di rado intricate vicende processuali possono essere chiarite solo grazie all’intervento di questo ausiliario del giudice, che se preparato e motivato, può talvolta svolgere, direttamente od indirettamente, anche una funzione conciliativa. Non sempre, tuttavia, i consulenti tecnici vengono scelti secondo criteri di capacità e competenza, e non sempre sono dotati di quel bagaglio di conoscenze tecniche indispensabile per affrontare ed illustrare al giudice che lo ha incaricato, problematiche spesso molto complesse. Leggi di più “Tribunale di Avellino. CTU, pubblico ufficiale “a tempo””

Il plotone, l’interesse ed il conflitto. L’ipocrisia giudiziaria tra il mito dell’oggettività del giudizio e la strumentalità della critica.

In altri tempi ed in un diverso contesto politico e sociale, il recente caso di cronaca giudiziaria che ha visto come involontario protagonista il più longevo esponente politico italiano – per alcuni perenne vittima del sistema, per altri satanica impersonificazione del male – avrebbe avuto ben altre implicazioni e risalto mediatico, mentre oggi si è trattato solo – si fa per dire – di una notizia come un’altra, buona per la prima pagina di qualche giornale e di qualche trasmissione televisiva “interessata”, per comprensibili motivi aziendali, ovvero, per un’assai più meschina “riconoscenza” o servilismo politico.

Leggi di più “Il plotone, l’interesse ed il conflitto. L’ipocrisia giudiziaria tra il mito dell’oggettività del giudizio e la strumentalità della critica.”

La Violenza non è uguale per tutte

No, la violenza non è sempre la stessa. Le donne non sono tutte uguali, ma, soprattutto, i presunti stupratori non sono tutti uguali.
Se sei nero, brutto e cattivo, sei già condannato, il processo te lo hanno già fatto appena ti ingabbiano, la tua storia di immigrato senza arte né parte, giovane o bambino, è su tutti i giornali e le televisioni. E tutti ci sentiamo dei novelli Lombroso, capaci di vedere anche solo in quel volto fintamente impaurito un delinquente nato, che tanto si sapeva che prima o poi l’avrebbe fatta grossa, bastava guardare la tua faccia, e visto che sei pure nero, non puoi che essere uno stupratore.

Leggi di più “La Violenza non è uguale per tutte”