Lo Studio Legale Di Meo di Avellino alla ribalta nazionale

Ieri abbiamo pubblicato un articolo riguardante un recentissimo successo conseguito  dallo Studio Legale Di Meo, nell’ambito di un contenzioso che se anche interessa un settore specifico come quello del gioco pubblico lecito, esercitato nell’ambito delle concessioni rilasciate dallo Stato, ha tuttavia una portata economica notevole. Leggi di più “Lo Studio Legale Di Meo di Avellino alla ribalta nazionale”

Legge di Stabilità 2015: Il Tribunale di Roma non concede l’esecutività del decreto ingiuntivo del concessionario contro il gestore.

Il settore del gioco pubblico lecito, in epoca di COVID-19, è in fortissima sofferenza, come tantissime altre attività imprenditoriali, chiuse e senza ancora alcuna indicazione in ordine ad una possibile data di riapertura. Ciò nonostante, gli operatori si trovano costretti ad affrontare e gestire contenziosi potenzialmente devastanti.

È quello che è accaduto ad un gestore del settore che ha dovuto fronteggiare un decreto ingiuntivo di un grande concessionario nazionale, che ha chiesto il pagamento di somme che riteneva essere dovute per effetto della Legge di Stabilità 2015. Leggi di più “Legge di Stabilità 2015: Il Tribunale di Roma non concede l’esecutività del decreto ingiuntivo del concessionario contro il gestore.”

Tribunale di Avellino, aste fallimentari: offerte migliorative? Non sempre si può. Un’importante decisione.

Il Tribunale di Avellino, con decreto del 19 marzo 2021, ha affrontato e deciso un’interessante questione in materia di aste fallimentari, a seguito di un reclamo promosso dall’Avv. Ferdinando G. Di Meo. Si trattava, nello specifico, di un reclamo ex art. 36 della Legge Fallimentare [R.D. 16 marzo 1942 n. 267 e successive mod. ed int.ni]. Leggi di più “Tribunale di Avellino, aste fallimentari: offerte migliorative? Non sempre si può. Un’importante decisione.”

Trading on line: lo Studio Legale Di Meo arriva a Cipro

Uno degli effetti perversi del lockdown dovuto alla pandemia, è quello dell’aumento della criminalità, degli illeciti, o, nella migliore delle ipotesi, degli abusi commessi on line a danno di ignari frequentatori della rete, spesso inesperti o sprovveduti, ma, talvolta, vittime di “raffinati” raggiri. Recenti statistiche, infatti, testimoniano un aumento di almeno del 30 % delle truffe su internet, che sempre più spesso riguardano il trading on line, ormai pubblicizzato con tecniche di marketing spregiudicate, da organizzazioni ed enti spesso assolutamente “legali”, che tuttavia si mostrano del tutto incuranti degli interessi di coloro che vengono contattati. Leggi di più “Trading on line: lo Studio Legale Di Meo arriva a Cipro”

Quali sono le responsabilità del datore di lavoro per il Covid-19 del dipendente?

La pandemia in corso, ufficialmente iniziata dal mese di marzo 2020, ma, verosimilmente, già strisciante da diversi mesi prima, ha prodotto evidentemente effetti devastanti, non solo di natura sanitaria. In un contesto ed in una fase storica in cui la crisi economica -soprattutto nelle aree meno economicamente e socialmente avanzate – già non consentiva di guardare con fiducia al futuro, l’emergenza, e con essa, l’approccio delle istituzioni – ai vari livelli di governo – non sempre appropriato, tempestivo ed efficace, hanno minato dalle fondamenta la possibilità operare e di restare sul mercato di una miriade di aziende, ditte individuali e professionisti, dei settori più disparati. Leggi di più “Quali sono le responsabilità del datore di lavoro per il Covid-19 del dipendente?”

Assemblea di condominio: quali obblighi per l’amministratore?

Un recente caso di cui lo Studio Legale Di Meo è stato investito, ha ad oggetto l’impugnazione della delibera di approvazione del bilancio consuntivo da parte di un’assemblea condominiale. In particolare, alcuni condomini hanno proposto la suddetta impugnativa davanti al Tribunale di Avellino, lamentando, tra l’altro, la presunta “omissione della relazione al bilancio consuntivo”, tale essendo stato, sia pure in un quadro più articolato, uno dei supposti vizi inizialmente denunciati fini dalla mediazione obbligatoria. Leggi di più “Assemblea di condominio: quali obblighi per l’amministratore?”

Figli nati fuori dal matrimonio: sempre opportuno formalizzare diritti ed obblighi dei genitori

Accade frequentemente che durante una convivenza more uxorio, o, comunque, nel corso di una relazione affettiva più o meno stabile – ma in ogni caso in assenza di matrimonio – nascano dei figli. Ebbene, nel caso di fine della relazione, la posizione della prole, sia pure riconosciuta da entrambi i genitori, così come la gestione dell’ordinaria vita quotidiana, nel rapporto tra genitori e figli o tra genitori, può presentare qualche problematica, che non di rado può raggiungere livelli di conflittualità non trascurabili.

In effetti, l’esperienza comune insegna che non sempre i genitori sono in grado – al termine della relazione affettiva, o anche all’esito di un rapporto occasionale – di gestire con serenità ed adeguato senso di responsabilità la nuova situazione, che, stante la nascita del figlio, implica, necessariamente, una prosecuzione, sia pure in forma diversa, di più o meno ampi rapporti tra di loro, nell’interesse esclusivo dei figli, non essendo ovviamente consentito sottrarsi agli obblighi ed alle responsabilità genitoriali, indipendentemente dal fatto che non via stato un matrimonio. Leggi di più “Figli nati fuori dal matrimonio: sempre opportuno formalizzare diritti ed obblighi dei genitori”

Perdita dell’assegno di separazione o divorzio in caso di nuova convivenza more uxorio

La questione relativa alla sorte dell’assegno di separazione o divorzio, nel caso di instaurazione, da parte di uno dei coniugi o ex coniugi, di una convivenza more uxorio, ovvero di una famiglia di fatto, è stata lungamente dibattuta.

Il tema, ovviamente, ha tradizionalmente risentito di un atteggiamento culturale, prima ancora che dell’approccio legislativo e giuridico – che del primo erano intuitiva espressione – poco propenso ad assicurare adeguate forme di riconoscimento e tutela alla famiglia non fondata sul matrimonio, risentendo, in ciò – per limitarsi alla storia repubblicana – della formulazione dell’art. 29 della Costituzione, che come noto “riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio”.

Leggi di più “Perdita dell’assegno di separazione o divorzio in caso di nuova convivenza more uxorio”

Il Patto Fiduciario avente ad oggetto un immobile è valido anche se solo verbale.

Cassazione civile, S.U., sent. n. 6459 del 6 marzo 2020

Il negozio fiduciario è una figura che tradizionalmente, in dottrina e giurisprudenza, non ha mai goduto di buona fama, perché generalmente vista, non sempre a ragione, come uno strumento utile ad eludere le ragioni ed i diritti dei creditori. Questa figura, su cui gli orientamenti e le posizioni sono stati ampiamente diversificati e spesso contrastanti, è stata oggetto della recente sentenza della Corte di Cassazione n. 6459/2020.
Leggi di più “Il Patto Fiduciario avente ad oggetto un immobile è valido anche se solo verbale.”

La Cassazione “censura” la Corte di Appello di Napoli, in materia di fitto agrario.

CORTE DI CASSAZIONE, Sez. VI Civile, sent. 21199 del 9 settembre 2015.

La suprema Corte, a seguito del ricorso promosso dallo Studio Legale Di Meo, ha annullato la sentenza della Corte di Appello di Napoli – Sezione Specializzata Agraria, che a sua volta aveva già parzialmente riformato una sentenza di primo grado del Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi. Il contenzioso aveva ad oggetto la richiesta di pagamento dei canoni di fitto di alcuni terreni, per effetto del presunto rinnovo tacito del contratto, sostenendosi che l’affittuario aveva continuato a detenere i terreni dopo la scadenza. Il Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi aveva accolto la domanda, nonostante la difesa del ricorrente, sostenuta dall’Avv. Ferdinando Di Meo, avesse argomentato che nel caso di specie non è era possibile il rinnovo tacito, in quanto trattavasi di contratto in deroga alla normativa vigente, ai sensi dell’art. 23 della L. 23/71, come modificato dall’art. 45 della L. 203/82. Si erra infatti stabilito che il contratto valeva anche come disdetta, senza bisogno di conferma della disdetta stessa un anno prima della scadenza, e, rispetto a tale previsione contrattuale, l’eventuale protrarsi del possesso, anche oltre la scadenza, non poteva comportare rinnovo tacito, giuridicamente nemmeno ipotizzabile.

Leggi di più “La Cassazione “censura” la Corte di Appello di Napoli, in materia di fitto agrario.”