"Nel futuro la giustizia funziona velocemente.... hanno abolito gli avvocati", diceva il protagonista di un celebre film. Al di là della finzione cinematografica, pare un'amara, in parte meritata, eppure cinica semplificazione, al limite del qualunquismo.

Il ruolo degli avvocati, sia pure in un'accezione moderna ed innovativa, è sempre più insostituibile. Il farraginoso sistema normativo italiano, composto da migliaia di leggi, decreti, regolamenti, direttive, codici, testi unici, emanati dallo Stato, dalle Regioni, dall'Unione Europea, non di rado dà l'innesco a complicate, e, talvolta, paradossali vicende giudiziarie, che spesso finiscono davanti al Giudice penale.

In questo quadro, la naturale propensione ed attitudine dello Studio Legale Di Meo ad operare in contesti aziendali anche complessi, garantisce la padronanza delle problematiche, che spesso incolpevolmente, travolgono anche imprese sane e produttive.
Ma la giustizia penale, purtroppo, non è solo questo.

Chiunque sia l'indagato o l'imputato, costui ha due problemi fondamentali. La soluzione del primo problema dipende dal caso, perché non c'è migliore garanzia per chi si trova ad avere a che fare con il processo penale, di quella che può derivare dalla fortuna di trovarsi davanti ad un Giudice, anche severo, ma professionale, competente ed imparziale, che abbia la capacità e la volontà di iuris dicere con coscienza ed umanità. Ma la vera scelta spetta all'indagato/imputato, che deve sapersi affidare al professionista giusto, per mettergli in mano un pezzo della sua esistenza.

La Giustizia penale non è uno scherzo e non è materia per tutti. Dal reato più grave a quelli di minima rilevanza e pericolosità, lo Studio Legale Di Meo mette a disposizione dei suoi assistiti una consolidata esperienza maturata in tutti i Fori della Regione, e non solo. Reati contro il patrimonio, contro le persone, reati finanziari, reati in materia ambientale, edilizia e di stupefacenti.

Tutto questo ed altro ancora, con la garanzia di poter assistere il cliente dalla fase delle indagini preliminari fino alla Corte di Cassazione, perché una sentenza non è una sentenza fin quando non è irrevocabile. Ed anche dopo c'è ancora da fare.